Abito da Sposa
Come scegliere il vestito seguendo moda e tradizione. Ecco qualche modello

0 7.903 views

Nasce la collezione sposa 2015 ideata dall’anchorman di Real Time ed esperto di Wedding Enzo Miccio che debutta con la sua ‘Bridal Collection‘ italiana.

Miccio ha pensato alle spose più sofisticate ed eleganti alla ricerca del dettaglio. Il richiamo è alla magia del teatro da cui trae le atmosfere più magiche ed evocative. 25 modelli prodotti e distribuiti da Nicole Fashion Group debuttano sulle passerelle milanesi.

enzo-miccio-collezione-sposa-2015

Proposte in bianco e chic realizzate con tessuti pregiati, dall‘organza al mikado, dal pizzo valenciennes al rebrodè. Tutti impreziositi con elementi senza tempo ed accomunati da un nome importante: ‘Maria‘, secondo il mito dell’aristocrazia che ha dato l’impronta ad un’epoca. Per le più religiose il nome è facilmente accostato alla Beata Vergine portatrice dei più ricchi valori cristiani.

Miccio materializza l’abito con impercettibile senso del designer toccando le corde più intime dell’anima nel giorno più bello della vita. Le sue chiavi di lettura sono l‘eleganza, la purezza, il gusto sofisticato, sobrio ma sempre con un tocco di originalità. Per le sue sposine Miccio ha pensato anche ad una preziosa linea di gioielli denominata ‘Farfalle’ ideata per Comete Gioielli.

Scegliere Enzo Miccio significa pensare ad un matrimonio da favola, affidandosi ad un conoscitore del gusto e del dettaglio. La scelta è svariata, dall’abito principesco a quello a sirena, dalla linea scivolata a quella più voluminosa. Tutto in base a forme e gusti della futura sposina. Miccio predilige il ‘pizzo’ e perle preziose da incastonare nei punti cruciali della silhouette. Il dettaglio è la classe, per essere la protagonista del giorno della vita come fosse il palcoscenico di un grande teatro.

0 6.427 views

Dal tradizionale colore bianco al rosa tenue. Questa la nuova tendenza del 2015 per l’abito da sposa, il momento cult del giorno più bello della vita.

L’abito è una scelta personale, legata allo stile, al gusto ed alla personalità  della sposa. La scelta è un sussulto dell’anima e l’abito è ‘ Da amare come il proprio marito’. Ovviamente questa dovrebbe essere la regola!

Quai sono le caratteristiche chiave degli abiti da sposa 2015?

– Sensualità: ricami applicati sui tessuti. Peter Langner ne da uno spettacolare esempio sui modelli della sua ultima collezione. Pizzo bianco in ogni tonalità o rosa spesso arricchito con giochi di luce. Per le spose più estrose e e che amano osare ecco la collezione di Elisabetta Delogi ed il suo neo vintage. Pizzo bianco latte o color crema abbinato ai tessuti più moderni. Un’attenzione sempre maggiore al lato B, con scollature profonde ( spesso velate) e pannelli che partono dal fondoschiena lungo la silhouette. L’immagine di Elisabetta Canalis del suo addio al  nubilato mostra in una versione molto audace e sexy questa nuova tendenza a mostrare i punti forti dell’estetica.

– Volumi più contenuti rispetto alla tradizione: l’effetto rimane importante e solenne ma con una sensazione di maggiore leggerezza. Il colore rosa regala alla sposa un effetto ‘bambola’ grazie alle sfumature di colore che i più grandi stilisti riescono a donare ai propri abiti. Per tutte coloro che nel giorno del si vogliono essere protagoniste e principesse per un giorno, l’Atelier Aimèe soddisfa i palati più fini.

abiti_sposa_2013_aimee_4

Il bianco resta il colore della tradizione, per chi vuole osare ma non esagerare la scelta si sposterà sull’effetto rosa in ogni sua sfumatura. Tante le proposte di stilisti e atelier, alle care sposine la scelta del tono da dare al proprio giorno. Magari dopo la scelta inviateci un ‘selfie’ con il vostro abito dei sogni. Just married!

0 6.613 views

Al giorno d’oggi a causa della crisi dilagante è molto difficile sostenere le spese che un matrimonio comporta, infatti le cose a cui pensare sono davvero tantissime, dal banchetto, alla cerimonia, ai fiori fino chiaramente all’ abito da sposa. Un modo per ridurre il  budget sarebbe noleggiare l’abito da sposa in modo da non  sacrificarne qualità e bellezza. Il vestito per il gran giorno spesso e volentieri è molto costoso, soprattutto se si tratta di  creazioni d’ alta moda, per questo si potrebbe semplicemente pensare a tale alternativa.Ci  sono davvero tanti  atelier sposi che mettono  a disposizione una serie di proposte wedding che si possono tranquillamente affittare facendo spendere circa un terzo di ciò che si pagherebbe acquistandolo.

Negli Stati Uniti, il noleggio abito è una pratica diffusa già da tempo, nel nostro paese invece quest’ l’idea  fa fatica ad essere accettata da tutti in quanto viene vista  come un qualcosa di non personale e poco romantica.

Una ragione importante che spinge alcuni sposi a scegliere questa pratica é la questione legata all’ ambiente e all’etica, propria degli  sposi responsabili che vogliono rispettare le loro convinzioni anche nel giorno delle nozze. Nell’ottica ambientalista infatti questo è un buon  rimedio  per combattere lo spreco e l’aspetto più consumista del matrimonio.

Il noleggio degli abiti da sposa solitamente costa un terzo del prezzo di vendita del vestito al pubblico: si parte da prezzi bassissimi, intorno ai 200-300 euro, per arrivare ad un massimo di 1000 euro, con capi però che ci sarebbero costati davvero una fortuna. Analoga la situazione per gli abiti da sposo a noleggio o per gli abiti da cerimonia.

Se dunque si desidera risparmiare un po’, per destinare maggiori fondi magari al pranzo o al  viaggio di nozze, questa è la soluzione l’ideale, inoltre da la possibilità a chi mette a disposizione il proprio abito, di trarre un po’ di guadagno  invece di tenerlo ad  ingombrare inutilmente l’armadio.

Chi sceglie l’alternativa del noleggio deve sempre controllare per bene le condizioni generali del vestito, e l’impresa più complicata è trovarne uno che fitta solo quelli in perfetto stato.

 

 

 

 

 

 

 

 

0 6.654 views

Vera Wang con la sua collezione 2014  ha stupito la New York Bridal Fashion Week con una sposa “dark“: il colore predominante resta il bianco ma tutti gli abiti si caratterizzano con dettagli e particolari  black che creano un contrasto assolutamente deciso.

La stilista aveva  utilizzato già nelle precedenti collezioni le tinte forti e intense, come la “Sposa Rossa”  .

A catturare l’attenzione sono in maniera particolare i lunghi guanti neri e gli inserti nei corpetti.

I volumi sono “alleggeriti” per  silhouettes più fini e pulite, anche se troviamo pizzi e organze da sogno che rendono l’abito assolutamente importante e prezioso, come ritroviamo nel modello con le morbide rose sulla schiena. Le forme semplici degli abiti sono messe in risalto proprio dai due colori in un gioco geometrico davvero raffinato. Vera Wang non ha trascurato il gusto delle eterne romantiche, infatti i classici ballgown tra nuvole di tulle e metri di organza, sono presenti anche in questa stagione. Un animo da sognatrice anche in una veste leggermente dark!

Gli abiti da sposa di Vera Wang sono dedicati a donne che amano essere chic ma che non rinunciano ad un tocco glam. Questa collezione è stata ideata  per tutte quelle  che amano osare e che desiderano un abito da togliere il fiato.

La stilista come ogni volta ha puntato sull’’originalità per  stupire, ma nonostante ciò i suoi modelli non sono mai pacchiani, anzi  risultano  sempre molto chic ed eleganti.

0 10.073 views

Il colore  bianco resta il simbolo del matrimonio anche se le nuove tendenze suggeriscono sempre di più  abiti da sposa colorati soprattutto per le sposa che decidono di sposarsi in comune.

Le tendenze si divino in due categorie opposte: la prima vede trionfare i colori pastello, così leggeri e sfumati che rendono gli abiti ancora più romantici.

Via libera quindi ad abiti azzurri o color carne. Il verde in particolare, ha spopolato sulle passerelle di moda sposa di questa primavera-estate con le sue sfumature più tenui, fresche e leggere!

Per rompere la tradizione del classico bianco non è necessario affidarsi ad abiti interamente colorati: il bianco è  in grado di far risaltare alla grande i colori che gli si abbinano.

Si può decidere di giocare con il contrasto con il bianco  utilizzando ad esempio un semplice nastro per segnare il punto vita dell’abito.

Ogni colore incorpora in se un particolare significato :

Un abito da sposa blu indica la sincerità: è un colore che raramente viene considerato dalle spose, lo si trova di più in sfumature leggere tendenti all’azzurro.

Un abito da sposa verde sta a simboleggiare la timidezza, il giallo invece rappresenta la gelosia che la donna nutre per il suo sposo!

Il nero non è un colore molto indossato, ma può dare interessanti contrasti  se utilizzato come complemento al bianco.

Il rosso è un colore che si intravede più facilmente in un matrimonio: nell’Antica Roma il velo da sposa era di colore rosso e  rappresenta amore e passione. Questi abiti, fiammeggianti e vistosi si addicono solo a spose vivaci e decise.

Attenzione invece al colore rosa: il suo significato non è dei più lieti infatti prelude future difficoltà economiche.

l’avorio è un altro colore molto utilizzato, simboleggia vivacità e indica che la sposa avrà una vita piena e movimentata!

Infine non manca chi opta per abiti in grigio e marrone che  indicano futuri trasferimenti  in un luoghi lontani.

0 3.958 views

La romanticissima collezione di abiti da sposa Blumarine per questo 2014 resta fedele ai tratti distintivi della stylist Anna Molinari che come al  solito esprime nelle sue collezioni femminilità romanticismo e solarità.

Il suo ritratto è nel soprannome: Regina delle rose, dal suo amore per questi fiori magici e sensuali che rappresentano l’immagine della griffe Blumarine ed incarnano simbolicamente il suo ideale di femminilità.

L’ elemento ricorrente di questa collezione non a caso è proprio la rosa, un dettaglio couture applicato a diversi modelli.
come sull’abito a  stile impero.

Tessuti ricercati e  stile retrò si delineano negli abiti in pizzo francese spesso in stile impero e impreziositi da eccellenti ricami e cristalli, la sensualità di questo tessuto si accentua nello splendido abito a sirena; modelli con gonna corta a ruota sono realizzati in tulle e ispirati agli anni 50, presentano un corpetto a cuore con fiorellini tono su tono in rilievo che  cadono a  pioggia dall’ alto verso il basso.

L’abito longuette invece scopre appena le scarpe, è realizzato in organza, presenta  sottogonna e fascia in vita con grappolo di fiori che separano la gonna dal bustier con piccole rouches.

Il resto della collezione gioca con lunghezze classiche, con volumi pacati, dove è la morbidezza e la qualità dei tessuti a creare il movimento delle gonne, che talvolta si tingono di nuance delicate, come il rosa e il taupe, che possono anche andar sfumando sul fondo.

L’abito più romantico è quello con gonna ampia, anch’esso caratterizzato dal dettaglio floreale che impreziosisce il fianco, così come l’abito da red carpet con fascia in chiffon e fiore sulla spalla, in un romantico rosa cipria.

I  toni di colore oltre al tradizionalissimo  bianco, possono incorporare nuances che vanno dal rosa antico o rosa cipria al nude.

Gli abiti da sposa Bluemarine 2014 soddisfano senza alcun dubbio qualsiasi donna prossima al gran passo.

 

 

 

 

 

 

0 3.950 views

Sono giunti al termine i tempi in cui l’abito da sposa doveva essere rigorosamente lungo  e con un importante strascico. La moda odierna ripropone  le lunghezze midi che devono la loro fama ad un grande stilista come Christian Dior che con giochi di tulle  trasformava le gonne in bellissime Corolle. E’ proprio questo che ha ispirato lo stile degli abiti da sposa che andrà per la maggiore nella primavera estete 2014. Un tempo abiti con gonne più corte venivano indossati per le cerimonie in municipio ma oggi sono scelti con sempre maggiore frequenza anche da chi decide di celebrare il  matrimonio in chiesa.

L’abito da sposa di media lunghezza oltre all’ indiscusso fascino vintage tipico degli anni 50  è molto più pratico perché permette una maggiore libertà di movimento, un altro vantaggio è la messa in vista delle scarpe che potrebbero magari abbinarsi al  bouquet.

Alla citata linea si abbinano bene alcuni dettagli come i guanti corti in tulle o retina, un cappellino, una veletta o un velo corto.

Per quanto riguarda i tessuti, ce ne sono in organza, tulle, seta ecc ecc.. il colore bianco panna resta la variante più chic ma se ne trovano anche in tinta avorio, crema e beige davvero molto eleganti e raffinati.

Questa tipologia di abito si adatta bene a gambe perfette e corporature snelle, quindi se il vostro desiderio è quello di indossarlo, occhio alla linea!

Alcuni degli stilisti che nelle loro collezioni hanno proposto questi più che originali modelli dallo stile retrò  sono  : Marchesa, Ramona Keveza, Stephanie Allin Angel Sanchez,Stewart Parvin, Haylie Paige, Rosa Clara.

0 3.487 views

Moderna e molto romantica è la  collezione  sposa 2014 di Elie Saab, realizzata in collaborazione con il celebre Pronovias.

E’ la vera espressione di alta moda, un sogno che diventa realtà , in particolar modo per le spose più esigenti che desiderano qualcosa di veramente eccezionale per il giorno delle nozze.

Qualsiasi modello è assolutamente perfetto, curato in ogni minimo dettaglio come ad esempio le lavorazioni in pizzo o le applicazioni di piccoli fiori realizzati interamente in tessuto chiffon.

Elie Saab in questa nuova collezione ha voluto accontentare ogni tipo di sposa attraverso abiti raffinatissimi proposti in diverse varianti.

Per le ragazze di oggi, dal gusto più moderno le proposte ricadono sulle linee attillate oppure a sirena.

Veramente eccezionale il modello aderente che delinea perfettamente  la silouette, ha gonna e maniche in pizzo ed un  maestoso velo.

Per chi adora il classico, difficile non  innamorarsi del modello con gonna ampia e bustino in tulle, ricoperto da leggerissimi petali bianchi  in  chiffon.

Le scollature hanno in gran parte corpetti a cuore, ma non mancano scolli a V profondi  e davvero sexy, più adatti  per cerimonie civili anziché tradizionali.

I modelli proposti sono tutti innovativi e curati nel dettaglio, qualsiasi abito presenta applicazioni che vengono studiate e cucite con una pazienza sartoriale.

Il velo lo si trova in varie lunghezze, ma sempre in leggerissimo tulle bianco che sottolinea ancora di più l’eleganza e la raffinatezza.

Il colore sovrano di tutta la collezione rimane il bianco, anche se i decori che conferiscono brillantezza all’ abito virano sui toni dell’argento.

 

0 7.470 views

È costato quasi 100.000 euro l’abito con cui Belen Rodriguez si è sposata con la sua dolce metà Stefano De Martino.

È stato disegnato esclusivamente per la showgirl argentina da Daniele Carlotta, lo stilista siciliano lanciato da The Vogue Talent che lo inserì in un progetto per giovani talentuosi. Daniele  è  cresciuto all’interno della sartoria  di  famiglia dove ha imparato l’arte del mestiere. All’età di  19 anni  si sposta da Modica, suo paese d’origine, nella città della moda per frequentare l’Istituto europeo del design.

La soubrette era stata sommersa di proposte dalle grandi firme, ma poi non appena ha visto le  idee di questo giovane emergente, ha capito che sarebbe stata la persona giusta per realizzare il suo abito da sogno.

Carlotta racconta che quando Belen ha visto l’abito per la prima volta si è commossa perchè le ricordava la nonna e anche durante la prova generale, non la smetteva più di piangere

Effettivamente si è rivelata una splendida creazione tant’è vero che ha stupito tutti! L’abito è lungo e solenne color avorio, con maniche  trasparenti ed una scollatura su petto e schiena; la particolarità più evidente viene dal corpetto di pizzo francese degli anni 40 che lo stilista conservava tra gli archivi di famiglia. In una intervista rilasciata a Mattino 5, quest’ultimo, ha affermato  di essere stato felice di averlo utilizzato proprio per il vestito della splendida argentina, perchè è una donna che stima molto sia professionalmente che umanamente.

Il giovane designer  ha ideato anche un secondo abito, quello indossato al ricevimento, molto diverso dal primo sempre di colore bianco, ma in stile gitano con swarovski, dettagli in oro giallo e 20 metri di chiffon.

0 3.662 views
alessandra rinaudo rubina

La creatività di Alessandra Rinaudo, oltre che nelle diverse collezioni prettamente da sposa Nicole, Jolies, Colet e Romance, trova espressione anche nella linea di haute couture che porta il suo nome: A.R – Alessandra Rinaudo.

La lavorazione sartoriale d’eccellenza e i tessuti più preziosi, uniti ai ricami, danno vita ad abiti unici – i capi della collezione sono in edizione limitata – chic e di classe per una sposa naturalmente elegante.

Non solo gli abiti ma anche gli accessori (scarpe, guanti e ornamenti per l’acconciatura) sono realizzati con gli stessi tessuti dei vestiti, su ideazione di Alessandra Rinaudo per un total look unico e inimitabile, rendendo ogni abito un capolavoro del made in Italy.

La linea di haute couture A.R. propone tutti gli stili e i modelli: principeschi, a sirena, più scivolati o corti e lascia maggior spazio al colore per abiti che, oltre che per una sposa originale e fuori dagli schemi, potrebbero tranquillamente essere da gran sera.

ULTIMI ARTICOLI