La promessa di matrimonio: come si svolge?

Si sente spesso parlare di promessa di matrimonio , ma di che cosa si tratta in realtà ? Chi si appresta a convolare a nozze ancora brancola nel buio riguardo a questo passo che è considerato il preludio ufficiale al matrimonio. In realtà, la promessa di matrimonio è una libera dichiarazione in cui i due fidanzati si impegnano reciprocamente a contrarre matrimonio, ma non è un obbligo a sposarsi.

La promessa in chiesa

Secondo quanto previsto dal rito concordatario, chi decide di sposarsi in chiesa compie, in pratica, i due passi del matrimonio religioso e civile insieme. Per chi si dirà “si” sull’altare della sua chiesa, c’è un iter da seguire. Prima, infatti, delle pubblicazioni, i due sposi, accompagnati da due testimoni, sono chiamati a colloquio dal loro parroco . Il motivo di questo vis-à-vis risiede nel bisogno di scongiurare eventuali testimonianze a favore di una richiesta di proscioglimento di matrimonio al Tribunale Ecclesiastico.

Il parroco “interroga” gli sposi separatamente e pone loro alcune domande mirate ad inquadrare la loro fede e a verificare che la loro spinta alle nozze sia autentica e non influenzata dagli altri. Lo stesso tipo di procedura viene messa in pratica con  i testimoni che, inoltre, dovranno, appunto, testimoniare lo stato libero dei futuri sposi. Dopo questa fase, i due sposi, sempre accompagnati dai testimoni, si recano presso il comune con un documento compilato dal parroco.

La promessa in comune

Da questo momento in poi, i due percorsi, quello religioso e quello civile, si sovrappongono. E’ a questo punto che si fanno le famose pubblicazioni che saranno esposte per 10 giorni nella bacheca del comune. Passato questo lasso di tempo, agli sposi sarà fornita l’attestazione delle avvenute pubblicazioni civili al comune da portare nella chiesa di residenza.

Entrambi i “riti” si svolgono nell’arco della stessa giornata , nella successione chiesa-comune o nel solo comune se la coppia non ha optato per la cerimonia religiosa.

I documenti

Gli sposi devono procurarsi una serie di documenti per procedere. Entrambi devono munirsi di un certificato contestuale ai fini matrimoniali, che sarà loro rilasciato dal comune di residenza; del certificato di stato libero ; del certificato di cresima , da richiedere alla propria parrocchia se ci si sposa in chiesa.

I festeggiamenti

Sebbene si tratti di una semplice tappa burocratica, il giorno della promessa è solitamente onorato con un piccolo rinfresco, a cui prendono parte solo i parenti più stretti. Ciò non toglie, ovviamente, che chi ne ha voglia e possibilità, non possa organizzare una festa in grande stile!

Il mio nome è Martina e sono una giovane dinamica con una grande passione per il tema del matrimonio. Attraverso il mio blog, Beautiful Wedding, condivido consigli, idee e storie ispiratrici per aiutare le coppie a creare il loro giorno di nozze perfetto. Sono sempre alla ricerca di nuove tendenze e idee creative, e mi piace dare il mio tocco personale a ogni aspetto di un matrimonio, dall'elezione dei luoghi alla preparazione della tavola. Se stai pianificando il tuo matrimonio o semplicemente adori tutto ciò che riguarda i matrimoni, ti invito a seguire il mio blog per ispirarti e divertirti!